Orari di apertura

Biblioteca del Conservatorio di Perugia

Lunedì / Venerdì
orari: 09:30-13:00; 14:30-18:30

La Biblioteca del Conservatorio

...più di 15.000 unità!

La Biblioteca del Conservatorio Francesco Morlacchi di Perugia ha le sue origini nel fondo della Scuola di musica dell’Oratorio di san Filippo Neri, primo nucleo di quello che sarebbe stato in un primo tempo il Civico Istituto di Musica, successivamente Istituto “Francesco Morlacchi” e infine Conservatorio di Musica di Stato (1974).

La biblioteca ha oggi una consistenza di più di 16000 unità – tra cui musica a stampa, manoscritti, periodici, materiale audio e video. Sono conservate diverse pregevoli edizioni settecentesche, sia di testi teorici, che di spartiti musicali (fra i quali una edizione dell’op. VI di Corelli e i trii e i quartetti di Zanetti); molto più numerose sono le edizioni ottocentesche (circa 200 anteriori al 1830).

Il patrimonio manoscritto è costituito principalmente dai manoscritti di Francesco Morlacchi, di cui alcuni autografi (Ave Regina Coelorum, la Cantata “Inni all’Altissimo”, il Requiem scritto per la morte del re di Sassonia e un altro breve Requiem per solo coro composto per il funerale del padre – non autografo, ma l’unica copia esistente-, l’Oratorio La Passione, la Messa X, l’opera Il Rinnegato, l’opera inedita Francesca da Rimini, alcuni canoni recentemente scoperti) quasi tutti donati dal Dott. Mario Spagnoli. Sono presenti anche alcuni manoscritti di Luigi Caruso, maestro del Morlacchi e primo direttore del Civico Istituto, oltre al fondo dei manoscritti più antichi, recentemente ritrovato e che sarà presto catalogato e disponibile al pubblico.

Fra le diverse donazioni sono degne di nota il Lascito Rocchi e il Lascito Lucietto, ricchi entrambi di opere a stampa e manoscritte del XIX secolo; il Fondo Graziosi; il Fondo Pasqualini – con interessanti opere sulla liuteria e l’acustica; i più recenti Fondo Gurrieri, ricco di materiale discografico del Novecento e Lippolis, con numerose composizioni manoscritte del musicista.

Da segnalare anche le donazioni di docenti o ex docenti del Conservatorio come il fondo Marino, le donazioni Ragni e Onorati principalmente di materiale discografico e video; in questo ambito va ricordata la donazione di Paola Maurizi che, oltre a diverse opere musicologiche, presenta un’ampia scelta di partiture di autori del novecento italiano con anche due manoscritti (Donatoni, Berio).

Di notevole interesse anche la donazione Schnabl Rossi, imprenditore e musicista dilettante perugino, che fu amico di Giacomo Puccini ed ebbe rapporti più che amichevoli con i maggiori compositori operistici della sua epoca; il fondo, donato nei primi anni ’50, comprende circa cento spartiti di cui alcuni con dediche autografe di Giordano, Puccini – da notare, fra l’altro, le correzioni a matita del compositore nella romanza di Michele nello spartito del Tabarro-, Respighi, Korngold e Roussel, oltre a sei lettere inviate allo Schnabl dallo stesso Puccini e da Mascagni, Massenet, R. Strauss, Respighi e Giordano.

La Biblioteca possiede le edizioni critiche, in Opera Omnia, dei maggiori compositori, da Bach, Beethoven, Haendel e Mozart a Schubert, Schumann e Schoenberg; ma anche, fra gli altri, di Lasso, Marenzio, Jannequin e Buxtehude, Monteverdi.

La Biblioteca è inserita nel complesso delle Biblioteche della Città di Perugia ed è aperta al pubblico dal Lunedì al Venerdì con il seguente orario: 09:30-13:30 e 14:30-18:30.

Il Bibliotecario
Prof. Nicola Lucarelli

Richiesta informazioni

Per eventuali informazioni, chiarimenti e richieste alla Biblioteca del Conservatorio utilizzare il seguente form: