Michele D’Ambrosio

  • Pianoforte

Contact Info:

  • michelosio@yahoo.it

Michele D’Ambrosio è stato allievo di Viviana Buzzai presso il conservatorio “S. Cecilia” di Roma, dove si è diplomato in Pianoforte con il massimo dei voti e la lode. Si è perfezionato successivamente con Aldo Ciccolini, Aquiles Delle Vigne, Hans Leygraf, Kazimierz Morski.

Vincitore di concorsi pianistici nazionali ed internazionali (“A.Cortot”, Milano; Capri; Marsala), ha svolto attività concertistica in Italia (Roma, Auditorium Parco della Musica Sala Petrassi, Sala Accademica di S. Cecilia; Brescia, Teatro Grande; Macerata, Teatro Lauro Rossi; Taranto, Teatro Orfeo; Genova, Palazzo Ducale, Sala “Quadrivium”, ecc.) ed all’estero (Germania, Regno Unito, Olanda, Croazia, Stati Uniti) sia come solista che in varie formazioni cameristiche e con orchestra (Filarmonica Marchigiana, Orchestra della Magnagrecia, ecc.)
Ha suonato per Radiouno, Radiotre e per Radio Vaticana.

Ha inciso le integrali pianistiche di Alfredo Casella (in tre cd Brilliant Classics) e, per la prima volta, di Ottorino Respighi (doppio cd sempre per Brilliant Classics), entrambe oggetto di giudizi spesso lusinghieri da parte della critica. Ha registrato inoltre, nel centenario della nascita di Joaquìn Rodrigo (2001) un cd interamente dedicato a musiche per pianoforte del Compositore spagnolo. Infine, un cd monografico, “Tempi DiVersi” (2005) dedicato al Compositore italiano Davide Farace.
Dal novembre 2017 è titolare di cattedra di Pianoforte presso il Conservatorio “Morlacchi” di Perugia, dopo aver ricoperto il medesimo incarico nei conservatori di Vibo Valentia (1995-96) e Potenza (1996-2017).

“The performances by Michele d’Ambrosio are superlative throughout, demonstrating barnstorming virtuosity, forceful declamation and piquant delicacy as required”
(Music Web international, settembre 2014)
“Michele D’Ambrosio findet wie gesagt genau den rechten Ton für jedes einzelne Stück. Er stellt seine Virtuosität ganz in den Dienst der Musik und gelangt zu rundum überzeugenden, farben- und nuancenreichen Resultaten”
(Klassik.com, ottobre 2014)
“Michele d’Ambrosio se hausse d’embléé à un niveau de perfection total: plénitude, panache, flamboyance, auxquelles s’ajoute une scrupuleuse fidélité”
(Pianiste, gennaio/febbraio 2015)